The state of development in Italy - 2021

Tecnologie

Abbiamo chiesto ai developer quali strumenti utilizzano maggiormente e quali sono le tecnologie più amate. In particolare abbiamo indagato lo scenario legato ai tipi di applicazioni più sviluppate, ai framework e ai CMS più utilizzati e abbiamo posto un focus su alcune tecnologie specifiche e sul loro utilizzo.

Che tipo di applicazioni sviluppi

Per quanto riguarda le tecnologie utilizzate, la prima domanda che abbiamo posto ai nostri intervistati ha riguardato le tipologie di applicazioni più sviluppate. Abbiamo dato la possibilità agli intervistati di selezionare più risposte e moltissimi hanno dichiarato di avere competenze in ambiti diversi.

In generale lo sviluppo web domina la classifica: il primo fra tutti lo sviluppo back-end che è stato scelto dal 76% degli intervistati, mentre il 70,2% ha scelto front-end. Il 30% sviluppa app mobile , mentre il 28,3% sviluppa desktop. Per la maggior parte dei developer insomma, fare coding significa sviluppare web.

Il 3,1% ha dichiarato di sviluppare sia web che mobile mentre, se invece prendiamo a riferimento solo la percentuale di web developer, il 57,1% di loro ha dichiarato di essere full-stack, ovvero di padroneggiare sia lo sviluppo front-end che back-end.

Chiudono la classifica le applicazioni legate al Machine learning, al gaming e ad altri tipi di programmazione come ad esempio quelli legati all'automazione industriale.

Quali linguaggi/tecnologie

L'analisi su linguaggi e tecnologie dimostra nuovamente che per molti essere developer significa sviluppare web. Anche quest'anno Javascript si conferma il linguaggio più utilizzato in assoluto: il 73,5% nella nostra audience dichiara di utilizzarlo regolarmente. Seguono HTML/CSS (60,8%), SQL (55,2%) e PHP (39,2%).

Perde posizioni Python rispetto all'anno scorso attestandosi sul 23,5% e viene superato da NodeJs con il 24,2%. Faremo di seguito un piccolo focus su Python, che negli ultimi anni è stato oggetto di un certo interesse nella comunità dei developer. 

Per cosa usi Python

Focus interessante può essere fatto su Python. È interessante notare come, sebbene potremmo aspettarci un ampio utilizzo di Python in ambiti ben precisi e legati a AI e machine learning, in realtà viene molto più utilizzato in ambiti più classici di sviluppo web.

Da questo grafico si evince ancora una volta come lo sviluppo di applicazioni web sia decisamente dominante nello scenario di questa professione. Si può dire che questi dati siano in linea con quanto è emerso dai precedenti risultati.

Utilizzi Framework di sviluppo?

L’82,9% dichiara di servirsi ampiamente di framework di sviluppo, confermando il ruolo fondamentale dei framework nella vita della maggior parte degli sviluppatori.

Quali framework utilizzi?

Angular si guadagna il primo posto tra i framework più comunemente utilizzati con il 36,5%, seguito da React e Laravel, rispettivamente con il 30,4% e il 25,3%. Al quarto posto troviamo Vue.js, con il 22,2% di preferenze.

Negli ultimi anni Flutter ha destato molto interesse tra i developer e quest'anno ha dichiarato di utilizzarlo l'8,7% dei nostri intervistati. Resta molto frammentato lo scenario di tutti quei framework meno utilizzati. L'1% dei nostri intervistati ha poi dichiarato di fare uso di framework proprietari o aziendali.

Utilizzi CMS?

I CMS rimangono indubbiamente una risorsa ampiamente utilizzata, ma soltanto il 27,1% del nostro campione se ne serve regolarmente. Interessante è osservare come più della metà dichiara di non utilizzarne affatto.


Passando ad analizzare i CMS più utilizzati, risulta evidente come Wordpress rimanga il re indiscusso. Lo scarto con gli altri Content Management System è notevole se si osserva che Prestashop si distanzia dal primo in classifica di oltre 60 punti percentuale.

Resta frammentata la percentuale di quelli meno diffusi, che comunque si distribuiscono in maniera abbastanza capillare. Molto basse risultano essere le percentuali relative ai CMS headless che, per quanto se ne sia parlato negli ultimi tempi, sembrano essere molto poco utilizzati.